top of page

Overtime X Carmel Puppy Parents

Public·19 Big Dawg Parents
Otto Polyakov
Otto Polyakov

Asterix Conquista L'America



Asterix conquista l'America (Asterix Conquers America) è un film del 1994 diretto da Gerhard Hahn. È il settimo film d'animazione tratto dalla serie a fumetti Asterix di René Goscinny e Albert Uderzo, ed è liberamente ispirato alla prima parte dell'albo Asterix in America (1975). Realizzato dallo studio tedesco Extrafilm Produktion, è il primo film della serie ad essere stato prodotto al di fuori della Francia, ad essere stato prodotto in lingua inglese e a contenere sequenze in CGI. Fu distribuito in Germania il 29 settembre 1994 dalla Jugendfilm-Verleih.




Asterix conquista l'America



Asterix & Obelix 7 - Asterix Conquers America, Asterix erobert Amerika, Asterix in America, O Asterix katakta tin Ameriki, O Asterix kai oi Indianoi, Asterix 7 - Asterix Conquers America, Astérix Conquista a América, Asterix i Amerika, Ο Αστερίξ κατακτά την Αμερική, Astérix (7) et les Indiens, Asterix conquista l'America


"I personaggi di Goscinny e Uderzo piacciono talmente ai francesi che i film a cartoni animati ispirati a loro li girano in Germania e li ambientano in America... Qui approdano Asterix, il suo fedele Obelix, guerriero forte e ottuso, e Panoramix, druida rimbambito o quasi, mentre i Romani assediano un villaggio della Gallia. E che vogliono privare dello scalpo Asterix & C. però l'uso dello scotennamento non è dei pellirosse, ma dei coloni bianchi: gli indiani lo adottarono solo per vendetta. Ma non è di certe finezze che vivono le storie scioviniste fatte per consolare i francesi del fatto che duemila anni fa non contavano niente. I bambini italiani, vedendo i Romani comportarsi da stupidi sfaticati, che parlano il dialetto della Roma di oggi, possono farsi un'idea dell'opinione che i bambini francesi si fanno del nostro popolo." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 20 giugno 1995) "Nessuno potrebbe immaginarlo assistendo alla versione italiana di 'Asterix conquista l'America', ma di fronte all'edizione originale c'è da cadere dalla sedia. Dopo sei disegni animati, dal '68 a ieri, in cui la voce di Asterix è stata quella di Roger Carel, qui prende il suo posto tale Peer Augustinski: e questa volta il piccolo e indomito resistente all'invasione della Gallia da parte dei Romani parla tedesco. Una bella differenza per un eroe così tipicamente francese da venir addirittura definito, nel 'Dictionnaire des personnages du cinema' di Gilles Horvilleur, 'coccardiere, nazionalista e ogni tanto ai limiti del razzismo'. (...) Piuttosto tirata per i capelli e infarcita dalle solite battute e controscene che gli amanti della serie ben conoscono, la storiellina è imbastita con dignità tecnica e può accontentare i bambini. Almeno in Germania è successo così, totalizzando un incasso competitivo con i grandi film di Walt Disney." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 26 giugno 1995)"Qualche trovatina qua e là non manca in questo film che rivela sorprendenti analogie con la 'Pocahontas' disneyana, ma si ride solo per qualche battuta in romanesco dei legionari di Cesare. Assolutamente demenziale poi il doppiaggio degli indiani d'America soprattutto dello stregone che parla lombardo come Bossi. Lo stesso Uderzo ammette che le due scenografe tedesche non hanno affatto compreso lo spirito dei personaggi. Inadatta anche la colonna sonora del gruppo Zouk Machine (preferito a Gerard Calvi, il bravo musicista dei primi sei film) che fa il verso a Disney spargendo melassa su quei personaggi abituati a divorare cinghiali e menare le mani per un nonnulla." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 18 giugno 1995)


Astérix conquista América es una película animada de 1994 dirigida por Gerhard Hahn. Fue producida en Alemania como Astérix in Amerika por Gerhard Hahn y Jürgen Wohlrabe, y es la única película de Astérix producida fuera de Francia (donde se conoce como Astérix et les Indiens). Es una adaptación bastante libre de la historieta La gran travesía 041b061a72


About

Welcome owners of Overtime X Carmel puppies! Post photos and...
bottom of page